Il cimitero delle penne Bic – i racconti del lunedì 36

Posted on Posted in racconto del lunedì, Uncategorized

Una leggenda parla di un luogo che nessuno ha mai visto, mitico quasi quanto il cimitero degli elefanti, il cimitero delle penne Bic. La sua esistenza è stata teorizzata per la prima volta dal pubblicitario Ian Parker deducendolo da un’inchiesta di marketing del 1984: 94% degli intervistati ammetteva di perdere la penna Bic prima di averla esaurita. “Dove finiscono tutte le penne Bic non esaurite?” si domandò Parker in un articolo su Nature. Tristemente, Parker venne a mancare l’anno successivo, annegato in circostanze misteriose durante una vacanza nel Mar Rosso.

La fine di Ian Parker non ha scoraggiato esploratori e astronomi a formulare teorie estreme e quasi sempre contraddittorie, che comprendevano una volontà di potenza iscritta nel DNA della penna Bic fino a una cospirazione internazionale che ripulisce il pianeta ciclicamente di tutte le penne Bic in circolazione.

L’avventuriero argentino Luis Esposito sostiene di avere intravisto il cimitero delle penne Bic in Congo, guidato da uno sciamano cieco ma non ha mai voluto rivelarne l’esatto luogo; il geologo francese Marcel Dupré sostiene di avere individuato un bizzarro strato geologico a due chilometri di profondità nei ghiacci antartici.

Per il momento, possiamo solo affidarci alle fiabe che verranno scritte su un luogo in cui sirene e tritoni nuotano in un’immensa vasca colma di migliaia di esemplari della penna di plastica più famosa al mondo.

Leave a Reply